Corso/Convegno sui grani antichi

Lo scorso 9 novembre, l’I.P.S. “Principi Grimaldi” ha avuto il piacere di ospitare presso l’Aula Magna “Nino Barone” un interessantissimo corso di approfondimento, organizzato insieme alla CNA Agroalimentare e all’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali di Ragusa, avente per argomento “La filiera di trasformazione dei grani antichi siciliani e la tutela del consumatore”.

Dopo i saluti iniziali da parte degli organizzatori -Giuseppe Santocono (Presidente territoriale di CNA Ragusa), Bartolomeo Saitta (nostro Dirigente Scolastico), Franco Celestre (Presidente dell’Ordine degli Agronomi), Giovanni Colombo (Presidente comunale di CNA)-, è stato il Sindaco di Modica, Ignazio Abbate, a porgere il suo benvenuto con un intervento che ha anche introdotto l’argomento. I lavori sono stati coordinati da Carmelo Caccamo, responsabile territoriale di CNA Agroalimentare.

Nel corso dell’intervento del nostro Dirigente, introdotti dal Prof. Orazio Licitra (vicario dell’Istituto ed Agronomo), gli alunni della 5A Agrario hanno brevemente illustrato, tramite un bel video, la loro esperienza con la coltivazione sperimentale di una varietà di grano antico siciliano la “Scorsonera” (o “Scorzonera” o -forse- “Scursunara”) il cui nucleo iniziale di seme (di poco più di un chilogrammo) è stato fornito dalla Stazione Consorziale Sperimentale di Granicoltura per la Sicilia di Caltagirone. Questa piccola quantità di seme è stata seminata a mano su una parcella di circa 250 metri quadrati. La coltura è stata seguita per tutta l’annata agraria 2017/18 e, nel giugno scorso, si è raccolto il prodotto mietendolo, ammannandolo e trebbiandolo a mano dopo aver proceduto sia all’eliminazione manuale delle malerbe che di altri cereali diversi dalla Scorsonera. Tutte le operazioni sono state fatte manualmente per ottenere del seme ad alto grado di purezza.

Particolarmente interessanti le relazioni del P.A. Nello Blangiforti, Tecnico della Stazione Consorziale Sperimentale di Granicoltura per la Sicilia di Caltagirone e del Dott. Alfio Spina, Ricercatore di CREA (Centro Ricerca Cerealicoltura e Coltura Industriali di Acireale). Il primo ha riferito su “I grani antichi: risorsa per l’agricoltura sostenibile” ed il secondo di “Qualità reologica e tecnologica dei grani antichi”.

Gravi motivi familiari hanno impedito la presenza dell’altro relatore di punta, il Dott. Umberto Anastasi del Dipartimento Agricoltura, Alimentazione ed Ambiente (Di3A) dell’Università di Catania.

Interessanti anche gli interventi programmati.

I lavori sono stati conclusi da Mirco Della Vecchia, cioccolatiere di fama internazionale e Presidente Nazionale di CNA Agroalimentare.

Al termine del convegno, presso la sala ristorante dell’Istituto i partecipanti hanno potuto consumare una lauta e prelibata degustazione preparata dagli alunni della 5B Enogastronomia, coordinati dal Prof. Giovanni Carnibella, e servita dagli alunni della 3A Sala e vendita, assistiti dalla Prof. Sonia Sudato e dal Prof. Giorgio Ciacera, ed offerta dai numerosi sponsor della manifestazione.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.